Settimana di commissioni a Bruxelles: scopri l’agenda

Parlamento-Europeo

Al PE si discute e vota su sistema di asilo e insediamento dei rifugiati, TV e radio in rete, prestazioni energetiche degli edifici, “Monsanto-papers” e glifosato, doppio standard di qualità degli alimenti. Conosceremo i tre finalisti del Premio Sakharov 2017 e si svolgerà la grande cerimonia del Premio del cittadino europeo.

Una proposta di regolamento per facilitare la distribuzione nell’Unione europea UE di programmi radio e TV online sarà al voto martedì in Commissione Giuridica. Il testo affronta le difficoltà legate al diritto d’autore e propone un’offerta allargata di TV e radio online da altri stati membri dell’UE.

Al voto mercoledì in Commissione Industria un progetto di legislazione secondo il quale nell’UE gli edifici – che assorbono il 40% dell’energia prodotta in Europa – dovranno essere ad alta efficienza energetica e senza carbone entro il 2050.

Le commissioni Ambiente e Agricoltura terranno mercoledì un’audizione pubblica per discutere di come vengono portate avanti le valutazioni dei rischi sul glifosato, alla luce delle inchieste stampa secondo cui i dipendenti della Monsanto avrebbero cercato di influenzare tali procedure. Il glifosato è l’erbicida più comunemente utilizzato nell’UE, ma sono stati sollevati alcuni timori sui possibili effetti cancerogeni.

La commissione Mercato interno dibatterà mercoledì, in presenza della Commissione europea, su come migliorare le regole comunitarie relative agli alimenti e ai consumatori, per evitare che in alcune parti d’Europa siano venduti prodotti alimentari di qualità inferiore. La questione riguarda gli alimenti il cui marchio e l’imballaggio sono identici nei diversi paesi UE, ma la cui composizione è diversa.

Giovedì la Commissione Libertà civili voterà per regole trasparenti e sicure sul passaggio in UE di quanti abbiano bisogno di protezione internazionale. La proposta prevede regole comuni sull’ammissione e il trasferimento dei cittadini non UE richiedenti protezione in uno degli Stati membri, e mira a prevenire che migliaia di altre persone anneghino nel Mediterraneo.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *